Chi è uno specialista SEO, cosa fa, quali sono le regole dell’ottimizzazione in ottica SEO che possiamo fare nostre anche se non siamo degli esperti? In questa guida definitiva scoprirai tutte le risposte a questi quesiti tra i più ricercati nei motori di ricerca web.

Cos’è la SEO

L’acronimo SEO sta a significare: Search Engine Optimization. Si tratta di una serie di strategie ideali per farti notare sui motori di ricerca, o meglio nei risultati che passano da lì. Sono un insieme di tecniche che possono rendere moltissimo, per esempio potrai avere molta più visibilità e notorietà e acquisire nuovi clienti e, perché no, anche fidelizzare gli habitué.

Ma gli strumenti propri della SEO li può utilizzare chiunque? Beh, ci sono dettami un po’ alla portata di tutti, come l’utilizzo delle parole chiave (dette più comunemente e tecnicamente keyword), mentre altre tecniche sono per lo più per gli addetti ai lavori.

Scegliere infatti di farsi affiancare da uno specialista SEO è sempre la scelta migliore, può davvero fare la differenza sulla tua presenza sul web, sia che tu abbia un’attività di vendita, sia che tu voglia aumentare la tua autorevolezza e fama su internet, ma non solo. Vediamo nei seguenti capitoli tutte le altre cose che devi sapere sullo specialista SEO e su questo genere di ottimizzazione.

Qui trovi una guida per approfondire cos’è la SEO

Chi è lo specialista SEO

Lo specialista SEO è un professionista a tutti gli effetti che conosce benissimo le tecniche SEO, appunto. Questa figura è molto versatile ed è oggi indispensabile nel mondo web. L’esperto SEO può lavorare praticamente sulle tematiche più diverse, per esempio può ottimizzare testi per siti di cucina, per e-commerce di giardinaggio e sport, e così via.

La SEO infatti è un vero asso nella manica che può essere d’aiuto su qualsiasi strumento web, dai già citati blog, agli ecommerce, ecc. Lo specialista SEO utilizza non solo le keyword, ma anche altri strumenti tipici di questa metodologia di visibilità, sì potremmo definirla così. Ecco cosa in genere va a fare sul tuo blog, sito, e-shop, ecc.:

Lo specialista SEO è in grado, dopo un’attenta analisi del sito/blog, di selezionare gli stratagemmi SEO più adeguati. Chiaramente i risultati si vedono soprattutto sul medio-lungo periodo, ci vuole costanza e un affiancamento mirato e ben strutturato che duri nel tempo.

Specialista SEO: dove trovarlo e come sceglierlo

Dove si trova uno specialista SEO, come fare a rintracciarlo e a scegliere quello più adatto? Oggi questa professione è molto in voga.

Si tratta di una specializzazione molto richiesta, proprio per la funzionalità e l’efficacia dell’utilizzo di questi dettami web.

Se ti serve uno specialista SEO, io mi occupo di Posizionamento dei Siti Web dal 2012 e puoi avere una consulenza gratuita.

Strumenti SEO online, anche gratuiti

Esistono degli strumenti SEO utilizzabili in autonomia, online e in modo gratuito? Beh, sì.

Ci sono dei tool, dei software a disposizione di chiunque che servono per ottimizzare i tuoi portali, gli e-commerce i testi per i social network, le schede prodotto, ecc. Per esempio puoi rendere un tuo articolo blog ancora più ottimizzato in ottica SEO, basterà inserire il testo e cliccare su un apposito pulsante.

In automatico il sistema inserirà le keyword suggerite da te e darà un taglio all’articolo decisamente migliore. Interessanti sono anche i siti free che ti permettono di trovare le keyword e i trend del momento, ottima cosa per realizzare articoli che possano farti scalare le postazioni sui motori di ricerca.

E poi trovi siti gratuiti dove ottimizzare l’indirizzo HTML, l’URL, o anche piattaforme come WordPress e relativi plugin come Yoast SEO che ti aiutano a scrivere testi utilizzando i titoli h1, h2, h 3, ecc. in modo adeguato.

Suggerimenti SEO da utilizzare anche se non sei un esperto

E se proprio non vuoi ricorrere ad uno specialista SEO sappi che ci sono piccoli accorgimenti che puoi mettere in pratica da solo. Questi dettami interessano soprattutto la struttura del testo, degli articoli, al di là del taglio giornalistico, da blog, emozionale, e così via. Ciò che interessa non è prettamente lo stile, ma la forma, capiamo meglio di seguito. Per esempio un testo ottimizzato SEO deve:

  • essere esaustivo e trattare bene l’argomento di interesse, deve esser utile insomma;
  • contenere le keyword in numero adeguato, all’incirca una ogni 100 parole effettive;
  • avere un titolo e dei sottotitoli, se si tratta di un testo abbastanza lungo;
  • avere la keyword nella prima frase e nel titolo o nei sottotitoli, almeno in alcuni di questi;
  • essere ben scritto a livello grammaticale;
  • essere leggibile e fluido, senza errori di battitura.

Queste sono alcune pillole SEO alla portata di tutti, ma ce ne sono altre come l’utilizzo di anchor text, ai quali inserire link interni del tuo stesso blog, cioè di altri articoli presenti. Oppure puoi utilizzare delle immagini con una descrizione contenente le keyword o le correlate di interesse.