Cos’è il “People also Ask” di Google

“People also Ask” (PAA) di Google è uno strumento molto utile per chiunque debba fare una ricerca online: questa funzione consente all’utente di ricevere diversi suggerimenti sulle domande da fare a Google e di accedere rapidamente alle relative risposte.

Digitando infatti una qualsiasi query nella SERP del motore di ricerca, si vedranno comparire gli spunti che espandono il campo di ricerca. Ma in cosa consiste esattamente il “People also Ask” di Google e come è possibile sfruttarlo per ottimizzare il proprio sito web?

People Also Ask

People also Ask, che in italiano possiamo tradurre come “le persone hanno chiesto anche” è un rich snippet che compare in box sulla pagina dei risultati di ricerca, quando si digita una query su Google.

Tecnicamente, uno snippet è il risultato di una ricerca online e con il termine rich indichiamo la presenza di suggerimenti frutto delle ricerche svolte da altri utenti. In altre parole, People also Ask propone una serie di domande attinenti al tema oggetto della ricerca, poste con intenzioni simili da altri utenti. In questo modo, è possibile raggiungere un più ampio numero di informazioni relative al tema prescelto.

Selezionando queste domande, si ha rapido accesso anche alle risposte, velocizzando così notevolmente la ricerca. Le risposte, infatti, sono scritte in forma sintetica al di sotto di ogni domanda. In questo modo, è possibile visualizzare molto velocemente più informazioni, senza dover aprire il sito nel quale tali informazioni andrebbero altrimenti ricercate.

La funzione People also Ask, quindi, velocizza, semplifica e al tempo stesso arricchisce il procedimento di ricerca online.

Dove si trova People Also Ask

La posizione della box che ospita il “People also Ask” nella pagina dei risultati, non è una posizione fissa: digitando query diverse nella SERP, si possono ottenere posizionamenti diversi della box. Infatti, è possibile che digitando una query, la box compaia in seconda posizione, ma effettuando una ricerca diversa, potrebbe comparire in sesta o settima posizione. In media, la box si colloca entro le prime tre posizioni della SERP. Negli ultimi anni, questa funzione è sempre più presente nelle ricerche online, soprattutto da mobile, tanto da comparire in oltre il 50% dei casi, mentre sono più rari i casi in cui la box non compare affatto.

People also Ask è dinamico

People also Ask ha conquistato e mantiene la sua importanza soprattutto grazie alla dinamicità: se in origine lo snippet proponeva agli utenti solo poche domande alternative, oggi la lista si è molto allungata ed è in continuo movimento. Infatti, quando si seleziona una delle domande alternative, si dà il via a ulteriori ricerche che propongono sempre nuove domande e risposte, attinenti al tema principale. Oltre alla velocità del procedimento (e alla sua potenzialmente illimitata espansione) ciò che conquista maggiormente l’utente è la possibilità di ricevere suggerimenti ai quali altrimenti non avrebbe pensato, accedendo così a un’informazione più varia.

Un’ampia percentuale dei suggerimenti elaborati da People also Ask si presenta agli utenti sotto forma di testo o elenco, ma è possibile incontrare anche altri formati, quali tabelle o video.

Come sfruttare People Also Ask per la SEO

Tra pagine e pagine di siti web, snippet, pubblicità e altre informazioni che si possono trovare online, ormai effettuare una ricerca su internet può rivelarsi un’operazione dispersiva.

Ecco perché, per chi desidera farsi trovare, è molto importante padroneggiare i meccanismi della SEO, rendendo il proprio sito sempre più appetibile per Google e accessibile agli utenti. Inoltre, è bene ricordare che la stessa box può essere visualizzata tra i risultati di più query simili, raggiungendo ancora più utenti e aumentando di conseguenza il volume del traffico organico del sito che fornisce le informazioni.

Ma come è possibile sfruttare People also Ask per ottenere questo risultato, aumentare il traffico organico e conquistare nuovi, potenziali clienti?

Una strategia vincente in ottica SEO prevede l’elaborazione di risposte sempre più pertinenti alle domande realmente poste dagli utenti, la scelta di parole chiave adeguate, l’uso di sinonimi, l’eventuale presenza di brand, oltre alla presentazione delle informazioni nel formato più adeguato per la navigazione degli utenti, ovvero, in una sola parola, prevede l’ottimizzazione.

Anche se non si conoscono con certezza tutti i parametri di cui Google si avvale per stilare la classifica dei risultati più pertinenti, è possibile utilizzare gli elementi appena citati, per creare contenuti di qualità, che saranno valutati in maniera positiva dal motore di ricerca, favorendo il posizionamento del sito nella box PAA.

SE HAI BISOGNO DELLA SCRITTURA DI ARTICOLI DI QUALITA’, CLICCA QUI

Creare un contenuto di qualità sfruttando People also Ask in ottica SEO

People also Ask aiuta chi scrive testi per il web a conoscere le vere domande poste dagli utenti: in questo modo, creando risposte pertinenti, è possibile fornire risultati attinenti alle ricerche più cliccate, aumentando le chances del proprio sito di comparire nella box.

Un testo di qualità è ricco di informazioni coerenti e fornisce all’utente tutto il materiale di cui ha bisogno. I contenuti vengono trovati dal motore di ricerca attraverso le parole chiave (e i loro sinonimi) per cui è importante dedicare grande attenzione alla ricerca delle keyword, utilizzando possibilmente anche gli strumenti messi a disposizione da Google stesso.

Usare sinonimi e formule dal contenuto semantico simile a quello delle ricerche già effettuate, arricchisce il testo e lo rende più facilmente identificabile dall’algoritmo. People also Ask consente anche ai brand di comparire tra i risultati di ricerca, rendendo più riconoscibili i marchi e favorendo così la brand reputation.

SE VUOI AUMENTARE LA BRAND REPUTATION CON LA DIGITAL PR, CLICCA QUI

Non bisogna dimenticare l’importanza degli aspetti più tecnici, quando si vuole scrivere un contenuto di qualità: scrivere per il mobile o per il fisso comporta regole differenti, oltre a mettere in gioco altri fattori, come la velocità di navigazione e la sicurezza del proprio sito.

Infine, uno sguardo ai numeri: le risposte fornite devono essere adatte a query articolate, di circa 10 parole, ma senza superare le 41 parole totali, per rientrare nella tiplogia preferita da People also Ask.