Il Guest Post è un elemento testuale che sa rivelarsi molto utile ai fini SEO e che rientra tra le attività SEO cosiddette Off Page, ovvero quelle che si concretizzano all’esterno del sito da ottimizzare.
In quest’articolo andremo a scoprire di cosa si tratta e come si può scriverlo correttamente.

Che cosa si intende per Link Building?

Bisogna anzitutto premettere che la scrittura di Guest Post si colloca tra le azioni di Link Building, ovvero quelle che vengono intraprese per garantire dei link in entrata al sito che si vuole ottimizzare.

Un buon posizionamento nei motori, ovvero l’obiettivo delle ottimizzazioni SEO, è un risultato che dipende da una molteplicità di fattori e tra questi vi sono anche, appunto, i link in entrata: il fatto che le pagine di un sito siano linkate in maniera corretta e pertinente da risorse esterne, ovvero da altri siti web, è un fattore molto positivo in tal senso.

Esistono diversi modi per procurare dei link potenzialmente preziosi al sito d’interesse, e tra questi vi è la creazione di Guest Post, vediamo di che si tratta nel dettaglio.

CLICCA QUI SE VUOI ACQUISTARE GUEST POST

Cosa significa letteralmente Guest Post?

Il termine post è ormai molto comune nel mondo del web ed è conosciuto anche da chi non ha particolari competenze digitali, il post, infatti, non è altro che una pubblicazione sul web.

Questa parola è largamente utilizzata nell’ambito dei social network, ambienti web il cui funzionamento si fonda completamente, appunto, sui post pubblicati dagli iscritti, ma si può “postare” anche in altri modi, ad esempio pubblicando un articolo in un blog.

In lingua inglese, Guest Post significa letteralmente “post ospite”, ed è proprio di questo che si tratta: esso è un contenuto prodotto da un soggetto esterno al sito web in cui verrà pubblicato.

Che cos’è un Guest Post?

Dal punto di vista pratico, il Guest Post è la pubblicazione di un articolo in un sito web esterno rispetto a quello che si vuol ottimizzare in chiave SEO, con l’obiettivo, appunto, di garantire a quest’ultimo un link in entrata.

Nell’articolo che si andrà a pubblicare, dunque, sarà presente un link che può puntare sia alla home del sito oggetto di ottimizzazione che ad una sua pagina interna; in entrambi i casi, infatti, esso potrà considerarsi utile in chiave SEO.

Ricapitolando, dunque, il Guest Post prevede 3 protagonisti: il sito Internet ospitante, ovvero quello in cui l’articolo verrà pubblicato, il sito Internet da ottimizzare in chiave SEO, verso il quale verrà indirizzato il link presente all’interno del testo, e il professionista che effettua l’ottimizzazione, il quale si occuperà della scrittura dell’articolo e di quant’altro necessario.

Perché un sito web dovrebbe ospitare un Guest Post?

Abbiamo dunque compreso che il Guest Post è un’attività che può essere efficace ai fini SEO in quanto consente di procurare un buon link in entrata al sito da ottimizzare, ma quali sono i vantaggi per il sito ospitante? Per quale motivo chi gestisce un sito dovrebbe accogliere un articolo scritto da altri?

La scrittura di Guest Post assicura dei vantaggi reciproci, perché se da un lato chi cura l’attività di Link Building ottiene un link prezioso, dall’altro il sito ospitante si assicura un articolo che va rimpinguare i propri contenuti senza doversi occupare della sua redazione e senza doverlo pagare.

Proprio per questo motivo, dunque, i professionisti SEO che effettuano questo tipo di ottimizzazioni Off Page non hanno, di norma, particolari difficoltà nel trovare dei gestori di siti Internet ben disposti a collaborare in tal senso, a condizione, ovviamente, che l’articolo risponda a determinati requisiti di qualità.

Giunti a questo punto, la domanda sorge spontanea: qual è il modo ideale di scrivere un Guest Post?

Come scrivere un Guest Post?

La prima regola da seguire per scrivere Guest Post in maniera efficace è la seguente: sebbene la finalità di tali contenuti sia, come detto, quella di procurare un link ad un sito esterno, l’articolo dev’essere informativo, dev’essere realmente utile a chi legge e, soprattutto, non deve avere un taglio promozionale.

Al contrario di quanto potrebbe credere chi non è del settore, infatti, il Guest Post non è una pubblicità del sito che si vuole ottimizzare a livello SEO, bensì è un articolo che si presenta proprio come tutti gli altri pur avendo, al proprio interno, un link in uscita “strategico”.

Dal momento che il lettore del sito in cui viene pubblicato il Guest Post non deve percepire la differenza con gli altri articoli presenti nel sito, è importante che esso presenti uno stile editoriale analogo.
L’articolo deve essere ben scritto e deve essere originale al 100%, altrimenti è pressoché impossibile che il sito ospitante accetti di pubblicarlo.

Come inserire il link in uscita all’interno del Guest Post?

Un altro aspetto fondamentale per quel che riguarda la corretta scrittura di un Guest Post è la modalità con cui viene inserito il link verso il sito da ottimizzare.

Oltre al fatto che, come detto, l’inserimento del link non deve avere toni promozionali, è molto importante che il collegamento ipertestuale sia ben contestualizzato e pertinente con ciò che si sta scrivendo.
La cosa può risultare complicata, tuttavia chi si occupa di quest’attività a livello professionale non ha problemi a far convivere tutto ciò che occorre per rendere impeccabile un Guest Post e per soddisfare sia gli obiettivi SEO del sito da ottimizzare che le esigenze editoriali del sito in cui l’articolo viene pubblicato.

In tale ottica, le strategie che possono essere adottate sono svariate: si può inserire il link rimandando ad una risorsa esterna per degli approfondimenti, oppure per menzionare prodotti e servizi a titolo di esempio, senza pubblicizzarli.

È questo, dunque, ciò che è utile sapere per chi vuol proporre dei Guest Post: gli sforzi richiesti da questa strategia SEO sono senz’altro più editoriali che tecnici, ma ciò non significa che sia una strategia semplice, anzi tutt’altro.