Nel vasto ambito relativo alla SEO, sono numerosi gli elementi da porre in evidenza al fine di conseguire i migliori risultati per il proprio progetto web. Una notevole importanza viene rivestita anche dai backlink, noti anche come link esterni. Un accorgimento del genere è determinante soprattutto per le piccole e medie imprese che hanno l’esigenza di acquisire una maggiore visibilità online.

Non resta altro da fare che sapere cosa sono e come funzionano i backlink. Ogni piccolo dettaglio può segnare una netta differenza in un settore in continua evoluzione come quello della SEO, cioè dell’ottimizzazione dei contenuti per i motori di ricerca. Una grande azienda potrebbe fare a meno di conoscere determinate nozioni, ma il discorso cambia per le attività in via di sviluppo.

Che cosa sono i backlink

Entrando nei particolari, i backlink sono dei semplici link esterni con i quali un sito Internet rimanda a un altro sito. Chi riceve il collegamento trae un vantaggio in termini di popolarità e visite. Se, invece, nel proprio progetto online viene aggiunto un link che rimanda a un altro articolo dello stesso progetto, si può parlare di link interno.

Ogni backlink deve risultare utile per assolvere determinati compiti. Un inserimento simile può garantire ulteriori informazioni e approfondimenti, o quantomeno garantire al lettore funzionalità utili. Allo stesso tempo, anche quesiti complicati possono essere risolti con pochi e semplici passaggi. Google tiene in seria considerazione le pagine che riescono a ottenere numerosi link esterni.

Il principale motore di ricerca basa buona parte del proprio algoritmo proprio sulla quantità di backlink ricevuti da ciascuna pagina. Se tale valore è molto elevato, il contenuto è considerato di qualità. Tuttavia, è l’autorevolezza dei siti dai quali provengono i link a risultare determinante.

VUOI ACQUISTARE BACKLINK ITALIANI DI QUALITA’?! CLICCA QUI!

Come deve funzionare un buon backlink

Un backlink di qualità deve funzionare seguendo alcune piccole dritte. Come accennato in precedenza, un elemento del genere è molto apprezzato dall’algoritmo di Google perché viene considerato come sinonimo di qualità e autorevolezza. Non appena un motore di ricerca trova un link esterno, si rende conto di quanto una pagina sia in grado di suscitare un buon grado di interesse a carattere generale.

Ovviamente, tutto questo non è sufficiente per dare a un sito Internet la validità necessaria. Infatti, Google presta la massima attenzione alla reputazione di ciascun sito Internet, tenendo conto della sua piena affidabilità. Chi trasmette il backlink deve soddisfare alcuni standard ben precisi e non deve essere un sito Internet di scarso livello, oltre a non rappresentare un servizio di spam. Anzi, in tali circostanze, il rischio di andare incontro a una penalizzazione è molto elevato.

Nella maggior parte dei casi, è sufficiente avere pochi backlink ma di ottimo livello per ricevere i vantaggi desiderati. Ciò può essere analizzato con l’ausilio della cosiddetta domain authority, che per l’appunto definisce in maniera attenta l’autorevolezza di un qualsiasi dominio. Se i collegamenti ipertestuali provengono da altri siti di qualità, il punteggio generale cresce in misura notevole. Con tali prerogative, avere la piena consapevolezza di aver ricevuto un buon backlink consente a un progetto online di raccogliere risultati superiori rispetto a quelli auspicati.

Quali devono essere i punti di forza di un backlink

Un backlink ben realizzato deve essere in possesso di un insieme di punti di forza mirati e specifici. Come detto anche prima, un link simile va fornito da un sito considerato autorevole nel proprio dominio, ma ciò non basta. Infatti, deve essere dotato di un attributo dofollow, affinché Google non abbia la possibilità di ignorarlo. Nel caso in cui sia presente la funzione nofollow, è essenziale cambiarlo.

Dopo aver verificato la domain authority, si procede con l’analisi della relativa anchor text, cioè la parte di testo sulla quale si clicca per raggiungere il link di destinazione. Non bisogna lasciare in secondo piano la scelta di una buona parola chiave, che deve essere coerente con il tema della pagina di destinazione e contribuisce a renderla più autorevole. È preferibile che il lettore abbia tutti gli elementi per comprendere l’argomento della pagina linkata ancora prima di cliccarci sopra.

Inoltre, gli argomenti delle pagine che inviano e ricevono il backlink devono essere coerenti tra loro. Se una pagina web inserisce un link a un’altra pagina che non ha nulla a che fare con la stessa, i vantaggi vengono pressoché azzerati. I temi vanno collegati con la massima attenzione e l’anchor text deve essere una valida anteprima di ciò che si sta per leggere. Google si rende conto di eventuali link esterni inseriti con poca cura e penalizza il sito Internet di conseguenza. Anche questo fattore va tenuto in seria considerazione.

Come ricevere i migliori backlink per un sito Internet sempre più autorevole

Nel complesso, la capacità di ricevere ottimi backlink può assumere un’importanza vitale per la crescita di un sito Internet. Anche un dettaglio del genere fa in modo che la SEO possa essere sviluppata in maniera ottimale. Ciascuna situazione va tenuta sotto controllo, tramite l’attuazione di strategie ben precise e mirate a un incremento costante della visibilità di ciascuna pagina su Google e sugli altri principali motori di ricerca.

A tal proposito, saper gestire a dovere la propria link building fa in modo che i collegamenti tra i vari siti si rivelino ben realizzati. Niente link che conducono a destinazioni errate, niente argomenti non coerenti con il tema del proprio progetto. Ciascun dettaglio va rifinito con tutta la dovuta attenzione, affinché ciascun backlink diventi un punto di forza per un’attività aziendale. Non c’è altro da fare che analizzare la situazione e sfruttare ogni elemento a proprio vantaggio.